Chi siamo


 
“Messaggero Cappuccino” è il  bimestrale di cultura e formazione cristiana dei frati cappuccini dell’Emilia-Romagna. Si tratta di 6 numeri all’anno di 64 pagine più “Frate Tempo” che verrà spedito agli abbonati con il numero di ottobre.

Da una decina d’anni è distinto in due parti. La prima, quella tematica, che parte da un contenuto biblico: quest’anno la prima lettera di Pietro. Dopo aver trattato il tema di ogni numero nella Bibbia (Parola), nel francescanesimo (e sandali) e nell’attualità (per strada), anche quest’anno abbiamo pensato di proporre i nostri temi ai poveri. Nel nuovo anno aggiungiamo un tratto di strada per arrivare IN PERIFERIA: continueremo a prendere il tè delle tre con gli amici della Caritas di Bologna e arriveremo persino nel carcere della Dozza anch’esso a Bologna.

La seconda parte ha una serie di rubriche fisse da molti anni: Provare per Credere sostituisce e aggiorna “Fatti di Concilio” nella stessa linea di ricerca delle novità pastorali significative; Religioni in dialogo segue un settore che riteniamo fondamentale; In missione informa sulla vita e l’attività nelle diverse nostre missioni e forma ad un senso di missionarietà e di Chiesa aperto e rispettoso delle diversità; In convento riporta ciò che riguarda la vita e le iniziative dei cappuccini della regione; Festival francescano, rubrica che accompagna la preparazione, lo svolgimento e gli echi del Festival Francescano che da qualche anno è in programma a fine settembre e da Rimini lo scorso anno si è trasferito a Bologna; Parole francescane  che seguirà da vicino un' iniziativa che intende presentare soprattutto ai giovani la spiritualità francescana in varie città della regione; la rubrica Nuovi stili di vita, che presentava interessanti alternative dettate da una maggiore sensibilità solidale con il creato, diventa Percorsi di sostenibilità e la parola chiave potrebbe essere "cambiamenti", dall'intrinseco significato essendo anche parola composta: "cambia-menti". E infine la rubrica Mi piace che allarga l’orizzonte sul mondo della comunicazione: libri, film, siti web, foto, disegni.

MC legge francescanamente la realtà di oggi, con uno sguardo positivo, dialogico, rispettoso delle diversità. Aiuta a riscoprire la “bella notizia” di Gesù su Dio, Padre di tutti, e sugli uomini di qualsiasi colore e cultura, tutti suoi figli e tutti ugualmente amati. Offre “pillole di francescanesimo” che aiutano a conoscere e a vivere meglio “lo spirito di Assisi”. Affronta con coraggio la lettura evangelica e francescana dell’attualità con la sua complessità.

La redazione vede una bella e stimolante collaborazione tra religiosi e laici. Il direttore responsabile di MC è Dino Dozzi. Del gruppo redazionale fanno parte Giuseppe De Carlo, Nicola Verde, Nazzareno Zanni , Barbara Bonfiglioili, Gilberto Borghi, Alessandro Casadio, Pietro Casadio, Lucia Lafratta, Elia Orselli, Saverio Orselli, Antonietta Valsecchi e Michela Zaccarini. I collaboratori invitati a scrivere articoli accettano lo stile della gratuità: ancora una volta il metodo diventa contenuto.

Il numero di ottobre è dedicato a “Frate Tempo”, il nostro Almanacco, che entra e resta nelle famiglie con i suoi semplici e preziosi consigli, spirituali, culturali e agricoli. Gli articoli della prima parte, quella tematica, a fine anno sono raccolti in un volume che entra a far parte della collana “La Bibbia di san Francesco”, edita dalle EDB.